FABIO CRESCI – SU COSA S’IMPERNIA?

Fabio Cresci - I taccuni - 1993-2016 - 227 block notes, ciascuno cm. 12 x 7.5 x 1 Fabio Cresci - I taccuni - 1993-2016 - 227 block notes, ciascuno cm. 12 x 7.5 x 1 Fabio Cresci - I taccuni - 1993-2016 - 227 block notes, ciascuno cm. 12 x 7.5 x 1 Fabio Cresci - I taccuni - 1993-2016 - 227 block notes, ciascuno cm. 12 x 7.5 x 11
Fabio Cresci - I taccuni - 1993-2016 - 227 block notes, ciascuno cm. 12 x 7.5 x 1 Fabio Cresci - La porta - 2016 - Porta ex Tintoria Romagnoli - cm. 170 x 237 x 6 Fabio Cresci - La porta - 2016 - Porta ex Tintoria Romagnoli - cm. 170 x 237 x 6 Fabio Cresci - La porta - 2016 - Porta ex Tintoria Romagnoli - cm. 170 x 237 x 6
Fabio Cresci - La porta - 2016 - Porta ex Tintoria Romagnoli - cm. 170 x 237 x 6 Fabio Cresci - Il seme - 2000 - fusione d’oro - cm. 1 x 0.7 x 0.1 Fabio Cresci - Il seme - 2000 - fusione d’oro - cm. 1 x 0.7 x 0.1 Fabio Cresci - La pulizia dei vetri - 2016 - Materiali vari, dimensioni ambientali
Fabio Cresci - La pulizia dei vetri - 2016 - Materiali vari, dimensioni ambientali Fabio Cresci - La pulizia dei vetri - 2016 - Materiali vari, dimensioni ambientali Fabio Cresci - La pulizia dei vetri - 2016 - Materiali vari, dimensioni ambientali Fabio Cresci - La pulizia dei vetri - 2016 - Materiali vari, dimensioni ambientali
Fabio Cresci - La pulizia dei vetri - 2016 - Materiali vari, dimensioni ambientali Fabio Cresci - La pulizia dei vetri - 2016 - Materiali vari, dimensioni ambientali Fabio Cresci - La pulizia dei vetri - 2016 - Materiali vari, dimensioni ambientali Fabio Cresci - La pulizia dei vetri - 2016 - Materiali vari, dimensioni ambientali
Fabio Cresci - La pulizia dei vetri - 2016 - Materiali vari, dimensioni ambientali Fabio Cresci - La pulizia dei vetri - 2016 - Materiali vari, dimensioni ambientali Fabio Cresci - La pulizia dei vetri - 2016 - Materiali vari, dimensioni ambientali Fabio Cresci - La pulizia dei vetri - 2016 - Materiali vari, dimensioni ambientali
Fabio Cresci - La pulizia dei vetri - 2016 - Materiali vari, dimensioni ambientali Fabio Cresci - La pulizia dei vetri - 2016 - Materiali vari, dimensioni ambientali Fabio Cresci - La pulizia dei vetri - 2016 - Materiali vari, dimensioni ambientali Fabio Cresci - La pulizia dei vetri - 2016 - Materiali vari, dimensioni ambientali
   

“Then, after all, it doesn’t tend to realize something, it results clearly even from the affirmations of those who first have cultivated philosophy. In fact, men began to philosophise, now as in the origins, as a cause of miracle.”
Notoriously Aristotele on the series of work of Metaphysics has created some kind of dependency between the origin of philosophy connected to miracles, that in greek is Thauma; not a generic astonishment, but the aptitude to be interested and worried about the existing, looking for those foundations that remain beyond becoming and that may give a deep sense to life itself. The structure of Occidental culture has undeniably these pressuposes of cycles in expicit or inexpicit form of the grand works of thought and expression of each period.

Another issue is the conciliation between this necessity of costant confrontation and the practical needs of everyday life. It must be mentioned that for liveability reasons, and not for life, we have fair discretion on avoiding substantial questions or the other way round if we shall not look for an integration always, for the fact that each action and each event, even the most common and methodical ones, have in themselves the trace of singularity of existing. At the core of the topic, art seems to find one of its deep reasons and bring about with a complete formula: that which, through the creation of works, is a testimonial of our nature in all her richness and its occurance in the world.

Inside this dimension, above all interrogative, the project of Fabio Cresci is developed Su cosa s’impernia?, according to a personal disposition of evocative character, that regards simultaneosly the way art makes us ask significant questions and also that process that is able to transform a ‘space’ to ‘place’ – assuming always on terms regarding the idividual, that in the first case is subject of thought and in the second subject of action.

Sustained from an idea, Lato began as an action; the opening and the replacement of the big ancient doors, in solid wood, that signed the entrance of the industrial building. The installation La porta re-actualizes that decision necessary to undertake a new story, through traces that till now exist since- they are the only ones- conserved: the portal itself located in horizontal ( after its removal) and the elements of accompaniment as pivotal points, jambs, palettes, lock. The particular aspect, connected to the establishment of the architectural studio that afterwards became a collector of activities and research, shifted in more generic terms until it became an impulse of a shared reflection on reasons of how we act and the effects that derive from there.

A single seed is precious for the evolution of growth, that one day will become something else, and then once more, as it happens in our body, even though deep inside we don’t know how to explain where it comes from, what it is and how this vital energy comes. The prodigious mystery of the natural in itself stays untouched. Here Il seme is made of gold on a white plane, in the middle of its way- the fusion and the first exhibition date in 2000; in its limits that yet is already potential, it offers itself an attentive glance, a glance that in the end decides to not consider common or excessive to become true.

The highest level of the building is placed, through its skylights, in relation to the sky. La pulizia dei vetri* is directed to the observation and on taking care as a connection of reciprocity. The methodical activity, gradual of the clothings passed on the vitreous surfaces join to transcend; that assists of the effective period of action or that the effects are later seen, remain identical the invitation to look up to an infinite dimensional extension, to understand how the careful attention revolted in itself, in the others  and in the other things of the world- as for example Heidegger defined: the authentical care- leads us to a pure state and meditation.

An assiduous practice developed by the artist in more than twenty years was and is until now that of writing reflections, at times short like instant inspiration and other times more articulate. I taccuini that host him, united and organized in temporal sequence are an evidence of an intimate reflection, opened to readers in two pages where the new sky and the new earth is brought back. That which for common mentality we connect to opposites, it relativizes: form one broad point of view, that puts together feeling and knowing, we human beings living on planet earth are, in every instant, merged in both.

On all the correspondences between artworks, in a variable way related also to the story and the characteristics of the place, the road built by Fabio Cresci affirms freedom- unalienable as much as necessary – to choose in every moment on which terms to direct our human disposition.

*with the participation of Maria Chemello e Maria M. Gärtner

 

 
“Che, poi, essa non tenda a realizzare qualcosa, risulta chiaramente anche dalle affermazioni di coloro che per primi hanno coltivato filosofia. Infatti gli uomini hanno cominciato a filosofare, ora come in origine, a causa della meraviglia.”
Notoriamente Aristotele nella serie di trattati della Metafisica ha fatto dipendere l’origine della filosofia dalla meraviglia, che nel termine greco è Thauma: non un generico stupore, ma l’attitudine a provare interesse e preoccupazione per l’esistente, alla ricerca di quei fondamenti che restano oltre il divenire e che dunque possono dare un senso profondo alla vita stessa. La struttura della cultura occidentale ha, in modo innegabile, tali presupposti, ricorrenti in forma esplicita o implicita nelle grandi opere del pensiero e dell’espressione di ogni periodo.

Altra questione è la conciliazione tra questa esigenza di costante confronto e le necessità pratiche del quotidiano. Vale a dire se per ragioni di vivibilità, e non di vita, abbiamo giusta facoltà nel marginalizzare le domande sostanziali oppure se non dovremmo cercare sempre un’integrazione piuttosto che un’opposizione tra le due tensioni, per il fatto che ogni azione e ogni evento, anche i più comuni e abitudinari, hanno in sé la traccia dell’eccezionalità dell’esistere. Al cuore della questione, l’arte sembra trovare una delle sue ragioni profonde e poter avverarsi con formula piena: essa che, attraverso la creazione di opere, si fa testimonianza della nostra natura in tutta la sua ricchezza e del suo avvenire nel mondo.

Dentro questa dimensione, prima di tutto interrogativa, si sviluppa il progetto di Fabio Cresci Su cosa s’impernia?, secondo una disposizione personale, a carattere evocativo, che riguarda contemporaneamente sia i modi in cui l’arte fa scaturire in noi delle domande significative sia quel processo che è in grado di trasformare uno “spazio” in “luogo” – assumendo sempre a termine di riferimento l’individuo, il quale nel primo caso è soggetto con il pensiero e nel secondo con l’azione. Sostenuto da un’idea, Lato ha avuto inizio da un atto; l’apertura e la sostituzione della grande porta antica, in legno massello, che segnava l’ingresso dell’edificio che fu industriale.

L’installazione La porta ri-attualizza tale decisione necessaria a intraprendere una nuova storia, attraverso tracce che tuttora esistono poiché – sono le uniche – conservate: il portale stesso collocato in orizzontale (dopo la sua rimozione) e gli elementi di accompagnamento quali cardini, stipiti, paletti, serratura. L’aspetto particolare, collegato alla vicenda di fondazione dello studio di architettura che poi è divenuto un collettore di attività e di ricerca, viene traslato in termini più generali fino a divenire d’impulso per una riflessione condivisibile sui motivi del nostro agire e sugli effetti che ne derivano.

Un singolo seme è prezioso per l’evoluzione di crescita che un giorno lo renderà altro, e poi altro ancora, come avviene col nostro corpo, senza che in fondo sappiamo spiegare da dove si origini, che cosa sia e come avvenga questa energia vitale. In esso vi sta intatto il mistero prodigioso del naturale. Qui Il seme è d’oro su un piano bianco, a metà percorso – la fusione e la prima esposizione risalgono al 2000; nella sua limitatezza che eppure è già potenza, esso si offre a uno sguardo attento, a uno sguardo che infine decida di non considerare banale o superfluo l’avverarsi.

Il livello più alto dell’edificio si pone di per sé, tramite i suoi lucernari, in relazione al cielo. La pulizia dei vetri* si rivolge all’osservazione e al prendersi cura in legame di reciprocità. L’attività metodica, graduale dei panni passati sulle superfici vitree giunge a trascendersi; che si assista al periodo effettivo dell’azione o che se ne vedano gli effetti dopo, resta identico l’invito ad alzare gli occhi verso una dimensione di infinita estensione, a comprendere come l’attenzione premurosa rivolta a sé, agli altri e alle cose del mondo – quanto per esempio Heidegger definí: la cura autentica – ci conduca a uno stato di purezza e di meditazione.

Una pratica assidua svolta dall’artista in più di venti anni è stata ed è tuttora quella di scrivere delle riflessioni, talvolta brevi come istantanee ispirazioni altre volte più articolate; I taccuini che le accolgono, uniti e disposti in successione temporale stanno ad evidenza di un’intima riflessione, aperta per la lettura su due pagine in cui è riportato nuovo cielo e nuova terra. Ciò che per mentalità comune collochiamo agli opposti, si relativizza: da un punto di vista più ampio, che mette in accordo il sentire e il conoscere, noi uomini abitanti della terra siamo, in ogni istante, immersi nell’uno e nell’altro.

Nell’insieme di corrispondenze tra le opere, in modo variabile relazionate anche alla storia e alle caratteristiche del luogo, il percorso costruito da Fabio Cresci afferma la libertà – inalienabile quanto necessaria – di scegliere in ogni momento verso quali termini dirigere la nostra disposizione umana.

*con la partecipazione di Maria Chemello e Maria M. Gärtner

 
Fabio Cresci (1955, Marcignana, Empoli – Florence).
Graduate in Fine Arts Academy in University of Florence in 1982, Cresci had important individual exhibitions from 1984 to 1987 at the Salvatore Ala Gallery, New York and Milan. In 1986 he participated in the 42nd International Art Exhibition, Venice Biennial, Arte e Alchimia. The works he produced in this period were on canvas and figurative in style using mainly organic paints and watercolours to create almost evanescent images in clear transparant tones. A work exhibited at his first one-man exhibition at the Galleria Ala was a watercolour on canvas, a leaf of pure colour – simple pigment diluted in water. This gave rise to the cycle Colorazioni – paintings where pure colours seems to move lightly across the surface.
In the late 1980s he produced a cycle named Fisico. These works on cellulose emphasised a physical element that had its origins in the ethereal nature of his earlier works. Linear contours of small stones developed into larger, thicker outlines like pathways until they covered the lower part of the walls of the artist’s studio.
The exhibition Orizzonti was held in the Galleria Schema, Florence, in 1994; in 1995 Aperto Italia ’95 was in Trevi; Il formaggio e i vermi was in Palazzo Casali, Cortona, in 1996. The work in this present exhibition appears to be a long and tortuous journey to capture light – light in the sense of illumination that achieves an intensely significant impact.
In 1997 and again in 2000 in the exhibition Dopopaesaggio figure e misure del giardino Cresci photographed flowers, transferred them to cellulose and – with the colour stuck to the rough surface – he arranged them on the walls of Castello di Santa Maria Novella in Certaldo.
In 1998 he participated in the group exhibition Au rendez-vous des amis: Identità e opera at the Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci, Prato. The exhibition Bù (Boo!) was held in the same year at Palazzo delle Papesse in Siena. For this exhibition the artist created a niche by knocking down the wall of a closet and placed thrones inside it, with a crown and sceptre alongside, turned towards a lamp located inside the opening, thus projecting shadows across the room and creating an evocative atmosphere. Once more we have the idea of light as the power of revelation, a manifestation of the sacred element of art.
In the second edition of Dopopaesaggio figure e misure del giardino in 2000, Cresci presented a work that was rare and preciously delicate in form. He placed a pumpkin seed cast in gold right after the entrance of the castle, conferming the deeply personal aspect of his work, a religious dimension that makes use of vision, gesture, daily habit, and finds its aesthetic expression in art.
In 2002, in his exhibition at the Galleria Biagiotti in Florence, he returns to the intricate journey towards the idea of light, an initiatory progress towards origins that are seen as the essence, a confirmation of life and an aesthetic understanding of art. This leads through many rooms and areas of study where we find weapons made of cellulose, the concept of struggle made physical, to arrive, finally, at the seed of gold.
 

 
Fabio Cresci (1955, Marcignana, Empoli – Firenze).
Nel 1982 si diploma all’Accademia delle Belle Arti di Firenze, dal 1984 al 1987 ha tenuto le principali mostre personali presso la Galleria Salvatore Ala di New York e di Milano. Nel 1986 partecipa alla XLII Biennale di Venezia, Arte e Alchimia; la produzione di questi anni vede la lavorazione di tele di stampo figurativo utilizzando soprattutto colori vegetali e acquerello, a creare immagini quasi evanescenti di limpide trasparenze tonali. Il lavoro esposto alla sua prima personale alla Galleria Ala era un acquerello su tela, una foglia di colore puro, pigmento diluito in acqua. Da qui il ciclo Colorazioni quadri dove il pigmento puro sembra muoversi leggero sul supporto.
Della fine degli anni ’80 è il ciclo di opere Fisico, lavori su cellulosa, a sottolineare una fisicità originata dalla etereità dei lavori precedenti, profili lineari di piccole pietre diventano linee ingigantite, traiettorie, fino a coprire la zona inferiore dei muri dello studio dell’artista.
Nel 1994 è la mostra Orizzonti, alla Galleria Schema di Firenze; nel 1995 Aperto Italia’95, Trevi; Il formaggio e i vermi, Palazzo Casali, Cortona nel 1996. L’opera presentata per quest’ultima mostra sembra essere un lungo e tortuoso cammino alla conquista della luce, intesa come illuminazione, dall’impatto estremamente suggestivo.
Del 1997 e poi 2000 la mostra Dopopaesaggio figure e misure del giardino, dove l’artista fotografa fiori, li traspone sulla cellulosa – il pigmento si fissa sul supporto ruvido – per poi disporli sulle pareti del Castello di Santa Maria Novella, Certaldo.
Nel 1998 partecipa alla collettiva Au rendez-vous des amis: Identità e opera, presso il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato; è dello stesso anno anche la mostra Bù!, Palazzo delle Papesse Centro Arte Contemporanea Siena. L’artista per questa mostra ha creato una nicchia, facendo abbattere un muro di un ripostiglio, ha collocato all’interno dei troni, con accanto una corona e uno scettro, rivolti verso una lampada posta nella cavità, ombre si proiettano su tutto lo spazio a disegnare un’atmosfera evocativa, torna l’idea della luce intesa come potere della scoperta, manifestazione del sacro che investe l’arte.
Nel 2000 Fabio Cresci propone, alla successiva edizione di Dopopaesaggio, un lavoro dalla delicatezza preziosissima del gesto, egli installa un seme di zucca fuso in oro subito dopo la porta d’ingresso del castello, a conferma di una forte connotazione intima, propria dei suoi lavori, una dimensione del sacro che avvalora il gesto, la visione, la consuetudine quotidiana, e che vede nell’arte la sua estrinsecazione estetica.
Del 2002 è la sua personale alla Galleria Biagiotti di Firenze, ritorna il cammino sensibile verso l’idea di luce, processo iniziatico verso i luoghi del principio, inteso come forma essenziale, affermazione di vita e consapevolezza estetica di arte. Da qui un percorso attraverso più stanze, luoghi di ricerca, dove incontriamo armi in cellulosa, fisicizzazione del concetto di lotta, per arrivare, infine, al seme d’oro.