ENRICO VEZZI – FUTURE IN MY MIND

Enrico Vezzi - Permanent Utopia - 2016 - wallpaper Enrico Vezzi - Permanent Utopia - 2016 - wallpaper Enrico Vezzi - Permanent Utopia - 2016 - wallpaper Enrico Vezzi - Permanent Utopia - 2016 - wallpaper
Enrico Vezzi - Permanent Utopia - 2016 - wallpaper Enrico Vezzi - Sometimes We Call It Utopia - in collaborazione con Remo Zanin - 2016 - vinile 33 giri, giradischi, cuffie Enrico Vezzi - Sometimes We Call It Utopia - in collaborazione con Remo Zanin - 2016 - vinile 33 giri, giradischi, cuffie Enrico Vezzi - Sometimes We Call It Utopia - in collaborazione con Remo Zanin - 2016 - vinile 33 giri, giradischi, cuffie
Enrico Vezzi - Letter from Future - in collaborazione con Remo Zanin - 2016 - china su fotocopia, cornice Enrico Vezzi - Liberation Carousel - 2016 - adesivo prespaziato, giostra per abiti Enrico Vezzi - Liberation Carousel - 2016 - adesivo prespaziato, giostra per abiti Enrico Vezzi - Liberation Carousel - 2016 - adesivo prespaziato, giostra per abiti
Enrico Vezzi - Liberation Carousel - 2016 - adesivo prespaziato, giostra per abiti Enrico Vezzi - Liberation Carousel - 2016 - adesivo prespaziato, giostra per abiti Enrico Vezzi - 7 Luca's Wonders - in collaborazione con Luca Gambacorti - 2016 - foto, cornici Enrico Vezzi - 7 Luca's Wonders - in collaborazione con Luca Gambacorti - 2016 - foto, cornici
Enrico Vezzi - 7 Luca's Wonders - in collaborazione con Luca Gambacorti - 2016 - foto, cornici Enrico Vezzi - the world we build - in collaborazione con Matteo Innocenti - 2016 - video HD, 8'12", videoproiettore Enrico Vezzi - the world we build - in collaborazione con Matteo Innocenti - 2016 - video HD, 8'12", videoproiettore Enrico Vezzi - the world we build - in collaborazione con Matteo Innocenti - 2016 - video HD, 8'12", videoproiettore
Enrico Vezzi - Music for Commoner - in collaborazione con Remo Zanin - impianto audio, microfoni a contatto, light-box, libro"Il Cerchio da Chiudere" Barry Commoner,1971 Enrico Vezzi - Music for Commoner - in collaborazione con Remo Zanin - impianto audio, microfoni a contatto, light-box, libro"Il Cerchio da Chiudere" Barry Commoner,1971 Enrico Vezzi - Music for Commoner - in collaborazione con Remo Zanin - impianto audio, microfoni a contatto, light-box, libro"Il Cerchio da Chiudere" Barry Commoner,1971 Enrico Vezzi - Music for Commoner - in collaborazione con Remo Zanin - impianto audio, microfoni a contatto, light-box, libro"Il Cerchio da Chiudere" Barry Commoner,1971
 

 
 

In Future in my mind different elements have contributed following a constant process like: intuition, discoveries, casaulty, exchange, reference, ideas leading to an orbit not yet established until everything has taken shape at the right moment, that has been perceived as fair.
In reference to the cycle that it belongs and has contributed to determine it, we may consider the project of Enrico Vezzi as a path that give an imaginative horizon, trough progressive movement denoted from sharing and collaboration that brings to a concrete possibility of interventention in reality.

The beginning is Permanet Utopia: wallpaper that hosts the many definitions of utopia formulated through history and through on ongoing research the artist has collected with the objective of arriving to a map of a ideal places; the hypothesis is projected “on the body” of geography, indx that the difference betwen these two dimensions is never really determined; each map even through objective requires an abstract contribution that corresponds to the way we see the world in that moment – and each utopia, even if not realised or not realisable, encourages practical actions. The vinyl Sometimes We Call it Utopia (remix) is a testimonial of these last. The riff of extracts of voice-short stories of those who, individually, have attempted or are trying to create utopy projects in different parts of the world.

«Clothing is the first architecture of our body, the first defense and the first restriction. For the time that you are going to pass at the exhibition, if you want to share your liberation, you may hang your jacket when the carousel stops.»
LiberationCarousel is a structure of automatic procedure, of a joyful function that invites to abandon our first elements of protections – habitus according to the etymology is first of all a way of being, the soul disposition, on a second layer can be considered as clothing. That said, then we are dealing not only with a possibility but also a responsability, being exposed to something and lowering the veil of defense is a condition to penetrare inside the reality in an active way, through our present, and introduce ourselves more openly to others.

For the rest the relational aspect is set throughout the entire project – and in general on the research of the artist; 7 Luca’s Wonders is a dialogue in making between Enrico and Luca through images, the first one interfering by re-elaborating an existent project, Primi Insediamenti Umani – a set of photos of spontaneous structures buildings in progression by the seaside – the second oe, the choice of seven ‘900 buildings considered essential for the self education and vision. We are dealing with two images of building, put together in relation to: the one in wood and others repairing elements – that at some point reviews survival itself – and the other one instead related to science, technique and technology to reach architectures that a part from the functional aspect have a representative (many times iconic).

It is delineated like this the “project” topic in all ways: it is the original way by which we interfere the world, following a personal thought but necessarily focused on sharing.
From here takes inspiration the world we build a conversation between the artist and the curator: from an incipit inspired from the text of the architect Richard Neutra Survival through Design, it develops an itinerary-reflection about the genesis and the growth of the exhibition, proposing furthermore the acceptance of the need of a conscious collective regarding the importance of our every action, always as human beings, respectively to the world – considering the double acceptance of physical-enviromental constitution and of the interaction system. The images of this space before the intervention are an example, when, realizing a personal aspiration, Lato was transformed from an abandoned area to a place for activities, meetings and confrontations. To this relates Letter from future at the entrance, elaboration of one of the original document drafted by the local administrative in occasion of an inspection, to sign the distressing negligence of the environment.
The place still, developed in all ways, as a vital organismof breathing, movement, transformative processes: Music for Commoner (in collaboration with Remo Zanin) in an installation by microphone to amplify some of the structural sounds of the space, exactly the tension of the chains located on the highest area to hold the perimetral walls – without which the building could collapse – adding the contacts, the interactions with people. Through a hearing and translating process, what we usually attribute as immaterial becomes an element perceived by everyone; an example of an action organised by respect and consciousness of conditions, active and potential, of a context.

To sum up Everything is related to everything else. The lightbox – originally a shop, recovered and re-elaborated – is a message that calls the evidence of pur existence necessarily in relation to: is a synthesis of a path that even here ends, may, is an omen, continuing in a personal way through the life of everyone.
 

 
In Future in my mind, hanno concorso vari elementi seguendo una processualità costante; intuizioni, scoperte, casualità, scambi, riferimenti, idee a gravitare lungo un’orbita non prestabilita fino a che, al momento definito, tutto ha assunto una forma che si è avvertita come giusta: in riferimento al ciclo a cui appartiene e che essa stessa ha contribuito a determinare, si può ritenere il progetto di Enrico Vezzi come un percorso che da un’orizzonte immaginifico, attraverso spostamenti progressivi denotati da condivisione e collaborazione, conduce a una possibilità concreta d’intervento nel reale.

L’inizio è Permanent Utopia: wallpaper ad ospitare le tante definizioni dell’utopia formulate nel corso della storia e che, tramite una ricerca tuttora in atto, l’artista ha collezionato con l’obiettivo di arrivare a una mappa dei luoghi ideali; l’ipotetico viene proiettato sul “corpo” della geografia, indice di quanto la differenza tra le due dimensioni non sia mai, in verità, risolutiva: ogni carta per quanto obiettiva richiede un contributo d’astrazione – che poi corrisponde alla nostra maniera di guardare il mondo a quel momento – e ogni utopismo, se anche non realizzato o non realizzabile, esorta a delle azioni pratiche. Di queste ultime è testimonianza il vinile Sometimes We Call It Utopia (remix), inciso con estratti delle voci-racconto di coloro che, in prima persona, hanno tentato o attualmente stanno tentando progetti utopici in diverse parti del mondo.

«L’abito è la prima architettura attorno al corpo, la prima difesa e la prima costrizione. Per il Tempo che dedicherai alla mostra, se vuoi condividere la tua Liberazione, potrai appendere il tuo abito alla giostra quando si fermerà.» LiberationCarousel è una struttura a procedimento automatico, con funzione giocosa d’invito ad abbandonare il primo elemento della nostra protezione – habitus secondo l’etimologia significa primariamente il modo d’essere, la disposizione d’animo, in secondo grado vale come vestimento. Si tratta allora di una possibilità e di una responsabilità insieme; spogliarsi di qualcosa e restare con minore difesa è condizione per penetrare in maniera essenziale dentro alla realtà – dunque anche dentro a questa circostanza specifica – e per porsi in uno stato di apertura verso gli altri.

Del resto l’aspetto relazionale si pone a fondamento dell’intero progetto – e in generale della ricerca dell’artista; 7 Luca’s Wonders è un dialogo in fieri tra Enrico e Luca per mezzo delle immagini, il primo intervenendo con la rielaborazione di un progetto già esistente, Primi Insediamenti Umani – serie fotografica di costruzioni spontanee in progressione lungo un paesaggio marino – il secondo con la scelta di sette edifici del novecento considerati essenziali per la propria formazione e visione. Si tratta di due declinazioni del costruire, poste tra loro in correlazione: quella naturale in legna ed altri elementi con funzione di riparo – che ad un livello precedente riguarda la sopravvivenza stessa – e quella invece mediata dalla scienza, dalla tecnica e dalla tecnologia per giungere ad architetture che abbiano oltre al valore funzionale uno rappresentativo (talvolta divenuto iconico).

Si delinea così la questione della “progettazione” in tutta la sua ampiezza: essa è il modo originario tramite cui interveniamo nel mondo, seguendo un pensiero personale ma necessariamente mirato alla condivisione. Da qui prende le mosse the world we build, conversazione tra l’artista e il curatore: da un incipit ispirato dal testo dell’architetto Richard Neutra Progettare per Sopravvivere (Survival through Design), essa viene sviluppata come meta-riflessione intorno alla genesi e al divenire della mostra, col proposito ulteriore di affermare il bisogno di una collettiva presa di coscienza a riguardo dell’importanza di ogni nostra azione, in quanto esseri umani, rispetto al mondo – qui considerato nella doppia accezione di costituzione fisico-ambientale e di sistema di interrelazioni in atto. Ne danno esemplificazione proprio le immagini dello spazio precedenti all’intervento di recupero, quando, a realizzazione di una personale aspirazione, Lato è stato trasformato da area in abbandono a luogo per attività, incontri, confronti. A ciò si collega Letter from Future al piano d’entrata, elaborazione di uno dei documenti originali redatti dall’amministrazione cittadina in occasione di un sopralluogo, a segnalare lo stato di desolante incuria in cui versava l’ambiente.

Il luogo ancora, approfondito in tutta la sua comprensività, al pari di un organismo vivente dotato di respiro, movimento, processi trasformativi: Music for Commoner (in collaborazione con il musicista Remo Zanin) è un’installazione microfonica ad amplificare alcuni dei suoni strutturali dello spazio, esattamente quelli tensivi delle catene poste nella zona più alta per tenere le murate perimetrali – e senza le quali l’edificio potrebbe collassare – a cui vanno ad aggiungersi i contatti, le interazioni con le persone. Tramite un processo di ascolto e di traduzione, ciò che riterremmo dover attribuire all’immateriale diventa elemento percepibile da tutti; esempio di un’azione regolata dal rispetto e dalla coscienza delle condizioni, attive e potenziali, di un contesto.

Infine Everything is related to everything else. Il lightbox, – in origine insegna di un negozio, recuperata e rielaborata – è un messaggio che si appella all’evidenza del nostro esistere necessariamente in relazione: sta a sintesi di un percorso che se anche qui si conclude, potrà, è un auspicio, continuare in modo personale nella vita di ognuno di noi.

 
Enrico Vezzi (1979 San Miniato). Graduate in Psychology in University of Florence in 2004. From the beginning he conceives art as a mean to stimulate reflections/thoughts in relation to collective story and personal memory. His artworks are always a hint of an attempt in relation to recorded history and the places to it connected. Every project is a testimonial of the project itself through which the artwork manifests itself, tempts to stimulate and create a dialogue.

 

 
Enrico Vezzi (1979, San Miniato, PI). Si è Laureato in Psicologia all’Università degli Studi di Firenze nel 2004. Fin dal suo esordio concepisce l’arte come un mezzo per stimolare nuove riflessioni sul rapporto tra storia collettiva e memoria personale. Le sue opere sono sempre la traccia di un tentativo di relazione tra la memoria storica e i luoghi a questa connessi. Ogni suo progetto è una testimonianza del processo stesso con cui l’opera si manifesta, con cui tenta di stimolare e formare un dialogo.
Tra i suoi ultimi progetti Collettivi ricordiamo: “Distances”, a cura di laboratoire DERIVA e Matteo Innocenti, Gallerie SeeStudio, Paris (2015),“8+1”, a cura di Matteo Innocenti, Lato/BBS, Prato, (2014), “Finte Nature”, a cura di Giacomo Bazzani, Museo Mac,n, Monsumano Terme, Pistoia, (2013);”Upokeimenon”, a cura di Gianluca D’Incà Levis e Michela Lupieri, Casso, Pordenone, (2013); ”Acqua”, a cura di Carles Marco, Montevarchi, Arezzo (2013); “PastForward”, a cura di Alessandro Romanini, Chiesa di S. Agostino/ Palazzo Panichi, Pietrasanta, Lucca, (2013);“Helicotrema”, a cura di Blauer Hase, Parco della Musica, Museo MACRO, Roma (2013); ”CartaBianca”, a cura di Silvia Cini, Museo di Villa Croce, Genova (2012); “Cos’è il Contemporaneo?”, a cura della Fondazione March, Palazzo Moroni, Padova (2011); “My Favourite Things”, Galleria Contemporaneo, Mestre (2010); “Emerging Talents”, CCCStrozzina, Palazzo Strozzi, Firenze (2009); “Il Caos”, a cura di Raffaele Gavarro, Isola di San Servolo, Venezia (2009); “Il Rimedio Perfetto”, a cura di Marco Tagliafierro, Galleria Riccardo Crespi, Milano(2008); ”White Balance”, a cura di Lorenzo Bruni, Galleria Vianuova, Firenze (2008); “Usine de Reve”, a cura di Cecilia Casorati e Sabrina Vedovotto , 26cc, Roma (2008).
Tra i suoi ultimi progetti Personali ricordiamo: Sharing Utopia!, progetto OperaDelocalizzata, a cura di Nero, Museo MIC e altri sedi, Faenza (2012), “Let’s Take a Position”, progetto Greendays, a cura di Anna Santomauro e Viviana Checchia, in collaborazione con AAA/Brussels, Radar/Loughborough, Fabrica de Pensule/Cluj-Napoca, Neoncampobase/Bologna (2011); “Prokudin- Gorskij Project”, a cura di Ilaria Mariotti, Centro Espositivo Villa Pacchiani, S.Croce sull’Arno, Pisa (2011); “Il Principio di Realtà”, a cura di Angel Moya Garcia, Reload, Roma (2011); “Cosa rimane di una mostra?”, a cura di Lorenzo Bruni, Studio8, Pistoia (2010).